> C h r i s t o p h e r   B r o a d b e n t

Centro della Fotografia Italiana - Brescia 2020

6-2
Memento I - 2010 n.2/4 cm.39x56 - c.6-2
28-3
Memento IV - 2010 n.1/4 cm.39x56 - c.28-3
20-4
Memento V - 2011 n.2/4 cm.38x55 - c.20-4
63-5
Yellow Scarf - 2019 n.1/3 cm.55x77 - c.63-5
64-6
String - 2014 n.1/3 cm.55x77 - c.64-6
21-7
Spikes - 2015 n.1/5 cm.39x56 - c.21-7
57-8
Bread II - 2013 55x77cm n.2/4 - c.57-8
60-9
Scullery XXXII - 2019 n.1/4 cm.55x77 - c.60-9
49-10
Scullery VII - 2017 n.4/5 cm.55x78 - c.49-10
7-11
Scullery II - 2012 n.4/4 cm.38x55 - c.7-11
68-12
Russet Pears aka Scullery XVII - 2007 n.1/4 cm.38x55 - c.68-12
42-13
Memento II - 2011 n.3/4 cm.38x55 - c.42-13
31-14
Lemon, Rag & Bowl - 2017 n.0 cm.55x77 - c.31-14
51-15
345 - 2017 n.2/3 cm.50x70 - c.51-15
1-16
Spikes Anvil & Cloth - 2017 n.1/2 cm. 90x130 - c.1-16
37-17
wedges - 2009 n.2/5 cm.40x53 - c.37-17
40-18
Skittles - 2007 n.2/5 cm.41x58 - c.40-18
28-19
Flowers I - 2012 n.2/4 cm.39x56 - c.28-19
65-20
Dry Flowers - 2019 n.2/5 cm.55x77 - c.65-20
33-21
Flowers XXXIb - 2015 n.1/3 cm.55x77 - c.33-21
35-22
False Fiowers on Iron -2017 n.1/3 cm.56x80 - c.35-22
11-23
Scullery XXX - 2015 n.1/5 cm.55x77 - c.11-23
38-24
Carpenter - 2004 n.2/3 cm.40x57 - c.38-24
39-25
Wedge&protractor - 2014 n.1/5 cm.49x59 - c.39-25
2-26
SteelBlocks - 2014 n.2/4 cm.54x77 - c.2-26
9-27
Scullery I - 2013 n.2/4 cm.55x80 - c.9-27
70-28
Ranunculus E - 2020 n.0 cm.40x55 - c.70-28
71-28
Ranunculus H - 2020 n.0 cm.40x55 - c.71-28
72-28
Ranunculus R - 2020 n.0 cm.40x55 - c.72-28
73-28
Ranunculus V - 2020 n.0 cm.40x55 - c.73-28
74-28
Ranunculus W - 2020 n.0 cm.40x55 - c.74-28
75-28
Ranunculus YZA - 2020 n.0 cm.40x55 - c.75-28
76-28
Ranunculus Z - 2020 n.0 cm.40x55 - c.76-28
77-28
Ranunculus ZD - 2020 n.0 cm.40x55 - c.77-28
78-28
Ranunculus ZF - 2020 n.0 cm.40x55 - c.78-28
79-28
Ranunculus ZJ - 2020 n.0 cm.40x55 - c.79-28
69-29
Ranunculus to Bin - 2020 n.1/3 cm.55x77 - c.69-29
14-30
Bowl of Flowers - 2016 n.3/3 cm.48x80 - c.14-30
15-31
Hyacinths - Hyacinths 2012 n.1/3 cm.76x54 - c.15-31
4-32
Flowers IV - 2013 n.4/5 cm.55x77 - c.4-32
19-33
Scullery XXXI - 2015 n.1/3 cm.56x45 - c.19-33
32-34
False Flowers - 2017 n.2/3 cm.59x88 - c.32-34
48-35
Eggcup & Jug - 2015 n.1/3 cm.55x78 - c.48-35
10-36
Symphoricarpos - 2017 n.2/5 cm.60x84 - c.10-36
12-37
Two Peonies - 2017 n.0 cm.55x77 - c.12-37
62-38
Pink - 2015 n.1/3 cm.55x77 - c.62-38
52-39
Flowers VIIIb - n2/4 cm.55x38 - c.52-39
17-40
Big Flower - 2004 n.3/4 cm.39x56 - c.17-40
16-41
Blue Vase - 2017 n.2/3 cm.55x77 - c.16-41
27-42
Memento III b - 2010 n.3/4 cm.39x56 - c.27-42

What's Left

Christopher Broadbent’s still-lifes capture an interval between two events, something has been put aside to be put away or to be taken up another day. His pictures are telling the story of someone who has left the room but who’s presence and state of mind still lingers in the objects left behind. Memories and reminders of things to be done...
For instance, a dish-cloth, which is a recurrent element in his photography, can express the joy or fatigue of the person that has left. Worn tools and kitchen bowls suggest simple work half done and dice, an unfinished game.
The traditional structure of objects on a horizontal plane becomes as a stage where Broadbent places a protagonist, a Jug, a pot, a block of wood. The dominant figure creates areas of light and shade within which he gathers the supporting characters.
Flowers refuse to obey to an ordered composition; they transform and decay in their own unpredictable manner. Like all things organic they are effective in capturing moments of transition where time transforms matter.
Broadbent uses the natural light from a window in his studio. The use of a single source and its shadows arouse a sense of familiarity. The balance between light and shade create the changing moods. Viewers often comment that Christopher Broadbent’s pictures remind them of paintings; and while structure and perspective are certainly borrowed from tradition, he sees his pictures as theater; things that have happened and the presentiment of more to come.

Ciò che rimane quando qualcuno esce dalla stanza...
Le nature morte di Christopher Broadbent catturano una pausa tra due eventi. Raccontano la storia di qualcuno che ha finito di fare qualcosa ed é uscito dalla stanza. La sua presenza e il suo stato d’animo rimangono negli oggetti lasciati alle spalle. Lo straccio per esempio, un elemento ricorrente nella fotografia di Broadbent, può esprimere la gioia o la fatica di chi che ha lasciato la scena. Gli utensili quotidiani lasciati sul piano, suggeriscono attività che sono state interrotte o abbandonate.
La tradizionale struttura pittorica con un piano orizzontale funge da palcoscenico in cui Broadbent posiziona un personaggio chiave, un vaso, una pentola, un blocco di legno. Questo attore principale crea la luce e l'ombra entro cui vengono posati i personaggi secondari. Ogni elemento vive nella luce o nell'ombra ed è scelto per la sua luminosità o oscurità.
I fiori sono personaggi ribelli che rifiutano di piegarsi ad una composizione statica, non possono essere controllati ma si trasformano lentamente in modo imprevedibile. Sono ostici come tutti i materiali organici ma sono straordinari nel catturare momenti di transizione in cui il tempo trasforma la materia.
Broadbent utilizza la luce naturale proveniente dalla finestra del suo studio. Cambiando l'equilibrio tra luce e ombra crea l'atmosfere e gli stati d'animo ed un senso di nostalgia. Un commento frequente é che le foto di Broadbent sembrano dei quadri, e mentre la struttura e la prospettiva sono intenzionalmente prese in prestito da una lunga tradizione, Christopher vede le sue immagini come teatro. Qui qualcosa é successo e presto avverrà qualcos’altro.

Mostre Stampe

 La Mostra >
 Ma.Co.f - Centro della Fotografia Italiana >
 Broadbent Portfolio >
La Galleria del Cembalo >